Categorie
Storie

Il matrimonio di Alice nel paese delle meraviglie | Storie di sesso lesbo

Alice ha inseguito un coniglio antropomorfo perché ha lasciato cadere i guanti in apprensione. Non sapeva che lui la stava effettivamente conducendo dalla regina delle lesbiche. La regina, chiamata Amoret, convinse Alice di essere la sua legittima compagna. Il resto, quello che seguì, andò bene per lei.

Cast di personaggi:

Personaggi principali:

Alice: Protagonista.

Amoret: Regina lesbica di Castle Sappho Islands, Wonderland.

Personaggi secondari:

Coniglio bianco: Un coniglio antropomorfo e servo di Amoret.

Giovani donne: Lesbiche.

______________________________________________

"Ecco-ora hai finito," disse Alice allegramente a se stessa quando finì di intrecciare i suoi capelli biondi come la seta in una lunga treccia. Era in piedi davanti allo specchio, che era fissato nella cornice di quercia decorata della sua lucida toeletta. Le sue labbra si curvarono in un sorriso mentre guardava il suo riflesso.

Alice era una bomba di 25 anni. Aveva ciocche flessibili, che brillavano brillantemente intorno al suo viso ovale. L'ombra rosa aveva un effetto arrossante sulle sue guance e sugli occhi blu infossati. La sua figura a clessidra, vestita con un reggiseno 36F e una minigonna rosa, era una gioia per gli occhi. "Cosa pensi? Non lo sono…"

Alice fece una breve pausa. Strinse le labbra e appoggiò le mani sulla vita. "NO. Se ti chiedo come ha fatto Michelle ieri sera, non andrà bene ", disse in tono beffardo. "Non aveva idea di come interrogare uno specchio perché non ha mai letto BIANCANEVE." Gettò indietro la testa e la sua risata tintinnante echeggiò nella camera da letto ben arredata.

"Ti dispiacerebbe rispondermi, se ti chiedo come,

specchio specchio sul muro,

chi è il più bello di tutti noi? "

Naturalmente, lo specchio non era magico e non rispondeva alla sua domanda.

"Oh piccola, sei la più bella", disse Alice. Si baciò allegramente sullo specchio e si voltò. Una copia di Forbidden Desires di Emma Hudson giaceva sul comodino del suo letto lussureggiante. Si è avvicinata e l'ha presa. Il libro apparteneva a donne, le cui lettere lo riempivano di fantasie lesbiche. Alcuni di loro erano lunghi ed espliciti; altri erano impliciti e interrogativi. La lettera di una donna incinta, di nome Michelle, era una narrazione in quattro paragrafi della sua frustrazione per il sesso reale. La sua bellezza stava svanendo a causa di tre concezioni consecutive. Il clamoroso fallimento la spinse a evocare una fantasia quando si trovava davanti allo specchio. È iniziato con l'apparizione di cinque ragazze intorno a lei. Li aveva tra le gambe, al culo, succhiandole le tette e in bocca. Si è masturbata fino al culmine in pochi secondi mentre li immaginava.

Alice lesse la scena, diteggiandosi; anche lei si è masturbata fino all'orgasmo. La sborra della ragazza aveva un sapore piacevole mentre se lo leccava dalle dita. La fantasia aveva un certo brivido e lei si appisolò, immaginandola mentalmente.

La sua visione erotica si trasformò in un sogno di lesbiche, che si stavano baciando. Era in mezzo a loro, guardando la loro demo. Nessuna delle donne si è preoccupata di toccarla. Poi qualcuno è venuto da lei all'improvviso. La sua mano è stata presa e ha seguito il suo compagno per una notte.

Alice si svegliò all'istante. Si è toccata. È stato un altro climax. Il sogno le sembrava una realtà. Tuttavia, è stato deludente svegliarsi da solo nella stanza. Si è alzata dal letto e ha fatto una doccia per liberarsi del sudore e della sborra.

"Che peccato", disse Alice, guardando il libro che aveva in mano. “Ha dovuto sfogare la sua fantasia. Perché diavolo non sta cercando le vere fiche? " Sospirò e lo rimise a posto. Al secondo pensiero, lo prese di nuovo e uscì di casa.

La brezza mattutina era piacevole per Alice. Inalò il profumo delle rose selvatiche, che erano state piantate accanto ai gigli ai margini del suo prato. Le tre panche di legno erano state lucidate l'ultima sera; tutte le piante furono potate per abbellire il prato. Andò, oscillando ritmicamente i fianchi larghi, verso la panchina più vicina e si sedette.

Alice alzò lo sguardo. L'unica cosa che aleggiava nel cielo era una nuvola oscura. All'improvviso, le venne in mente che la nuvola aveva interrotto il suo movimento; indugiava appena sopra di lei. Si accigliò all'idea, ma una rapida corrente di vento la scosse dalla sua mente. Doveva guardare in basso. Le pagine del libro stavano girando all'impazzata.

"Oh mio," disse Alice, tenendoli a posto. Poi, i suoi occhi caddero sul sottotitolo Beth. L'autrice aveva dedicato un'intera pagina alla sua fantasia. Sollevò il libro e iniziò a leggerlo:

Carissima Helen,

Sono ancora così entusiasta della nostra esperienza condivisa che non riesco a trattenermi dal dirtelo. È stato un amore dolce e meraviglioso quello che abbiamo avuto per quella breve ora.

Sei delizioso, mia cara, con quella pelle luminosa e morbida come il raso e una figura meravigliosa. Mi piaceva annusarti e assaggiarti dappertutto. Come si sono gonfiati i tuoi capezzoli pulsanti mentre li succhiavo e li baciavo. Poi, mi hai detto di mungere i tuoi meloni e ho tenuto la mia faccia tra di loro per te. Mi hai mormorato di far scivolare le mie dita nella fessura del tuo sedere. Tesoro, il tuo buco lì è così morbido ma stretto, così umido e muschiato. E ti ha davvero emozionato, non è vero, quando ho lavorato le mie dita dentro?

Ma, naturalmente, è stata la tua deliziosa fica a farmi impazzire. Oh tesoro, come la sua carne interna si è aperta mentre le mie dita tracciavano la tua fessura. Tremava e si bagnò molto. Ti piaceva che ti accarezzassi in quel modo, vero? So che l'hai fatto, perché ti sei dimenato e sussultato quando ti ho toccato lì.

Poi, la mia bocca è scesa su di te; era tutto capelli e carne morbida. L'odore glorioso e il sapore eccitante della tua umidità mi sono penetrati in bocca. Mi è piaciuto avere il naso schiacciato contro il tuo fiore. Il profumo intenso del tuo sedere era inebriante. Volevo solo mangiarti; ingurgitare il liquido e la sostanza del tuo corpo, era la mia passione. Ti amo perché ti desidero!

Va benissimo che non hai fatto altrettanto per me in cambio. Ho capito che eri troppo eccitato e che tutto stava accadendo troppo in fretta. Mi bastavano solo le tue mani. Il tocco delle tue dita era così morbido, caldo e amorevole. Ho sentito che ti stavi sforzando. Poi, ho sentito i tuoi gemiti soffocati. Ti stavi ingobbendo per la lussuria e macinavi la tua torta sulla mia bocca. Sapevo che stavi raggiungendo l'orgasmo. La mia stessa fica si mosse, solo in estasi. Oh, tesoro! È stato tutto meraviglioso. Non lo dimenticherò mai.

Helen, amore mio, fammi mangiare di nuovo la tua gustosa fica, e presto. Lo farai caro? Per favore?

"Wow! Helen è così fortunata ”, ha detto Alice. “Oh come vorrei avere un'amante come Beth! Se fossi Helen, non avrebbe bisogno di implorarmi in quel modo. "

Alice continuò a diteggiarsi mentre leggeva di nuovo la fantasia. Il suo perizoma fu inzuppato in un attimo. Sospirò e si adagiò contro la panca. "Sto venendo così tanto. Le ragazze sanno davvero le loro cose. È così caldo e impressionante, anche senza immagini ", ha detto.

Alice mise giù il libro e chiuse gli occhi. "Ho sognato per lei," disse. “Ho davvero bisogno di lei adesso. Desidero che lei venga qui e si inginocchi davanti a me, e mangi la mia fica. Mi farà impazzire, come Beth ha fatto con Helen? " Lasciò il soliloquio per un po 'e si mosse una mano sullo stomaco. “Mi leccherà e annuserà dappertutto? Mi mostrerà la sua passione? "

Alice fece una pausa. Spremette i meloni in reggiseno. La loro capacità di recupero la spinse a riprendere il soliloquio. "Mi succhierà e mungerà le tette per portarmi …"

All'improvviso, sentì una voce stridula da vicino. Diceva: "Oh cielo, sarò troppo tardi!"

Gli occhi di Alice si spalancarono e guardò in direzione di quella voce. L'oratore era un grosso coniglio bianco che le correva accanto. Indossava una giacca di pelle rossa. Riuscì a intravedere i guanti neri che gli spuntavano dalla tasca della vita.

Alice fu stupita di vedere un coniglio che si comportava come un essere umano; era vestito, correva sulle zampe posteriori, parlava e prendeva qualcosa dalla tasca della vita. Era un orologio da tasca. Era troppo delirante per notare che i suoi guanti erano scivolati via.

"Oh mio Dio, ha lasciato cadere i guanti", disse Alice e lei gridò, "Signore! ASPETTARE."

Il coniglio bianco ribatté: "Non ho tempo! Sono già in ritardo. Sua Maestà mi taglierà le palle se non sarò in TEMPO. "

"Ma signore, i suoi guanti …"

"Un'altra volta, un'altra volta!"

Alice non poteva fare altro che corrergli dietro. Si lasciò alle spalle il prato, si fermò un attimo per raccogliere i guanti e riprese a seguire il sentiero preso dal coniglio bianco. Un po 'più avanti, prese un angolo a sinistra e scomparve.

Alice girò l'angolo per correre in un vicolo. È finito in un enorme baobab. Si allungò, si fermò e si inginocchiò sotto il baule per esaminare un'apertura.

"Wow! Sembra una grande tana di coniglio in cui deve essere saltato ”, disse Alice. "È meglio che lo segua." Pertanto, si è insinuata come un quadrupede ed è entrata nel buco.

La tana del coniglio proseguì in qualche modo dritta come un tunnel, e poi si tuffò. Alice si ritrovò a cadere in quello che sembrava essere un pozzo. O era molto profondo o era caduta troppo lentamente, perché aveva tutto il tempo per guardarsi intorno. Quindi, ha cercato di capire a cosa stava arrivando, ma era troppo buio per vedere qualcosa.

Giù, giù, giù! Ad Alice sembrava che la caduta non sarebbe mai finita; ma alla fine era finita quando si imbatté in un mucchio di rami e foglie secche.

Alice non si è fatta male per niente e si è alzata subito in piedi. Alzò lo sguardo. Era tutto buio sopra di noi. Davanti a lei c'era un altro lungo passaggio e il coniglio bianco era in vista, affrettandosi. Iniziò a correre e si avvicinò a lui quando disse: "Sono in ritardo. Sono davvero in uno stufato. Sono in ritardo, sono in ritardo, sono in ritardo! " Poi ha spinto una porta e l'ha richiusa dietro di sé.

Alice, ansimando per quel folle inseguimento di coniglio, dovette fermarsi sulla porta. Aveva infilato i guanti nel reggiseno perché voleva restituirglieli, ma era troppo angosciato per assecondarla. "Quell'idiota mi ha permesso di inseguirlo come se non avessi nient'altro da fare", disse con repulsione. "Al diavolo lui e i suoi guanti!"

Decise di buttare via i guanti e tornare a casa, ma l'idea dell'impossibilità di risalire il pozzo le fece cambiare idea. Pertanto, girò la manopola d'oro e aprì la porta.

Alice si trovò in una spaziosa radura. Le chiome degli alberi circostanti riparavano il luogo. C'erano decine di tende. Materassi e cuscini sono stati appoggiati direttamente a terra.

Alice si guardò intorno, stupita di ciò che vide. C'erano giovani donne, tutte nude e vulnerabili. Stavano facendo sesso come coppie e gruppi. Le bocche erano chiuse in un bacio fanatico. I capezzoli sono stati rilasciati e ripresi oralmente. Le teste ondeggiavano tra le cosce e le natiche. Fighe e stronzi sono stati violentati dai dildo. La generosità della loro orgia è stata amplificata da sospiri, gemiti e urla. Era così carnale e lascivo che Alice era eccitata a toccarsi tra le cosce. Poi all'improvviso, ha sentito la voce frizzante di una donna dietro la schiena, "Ti stai godendo lo spettacolo, piccola?"

Alice sussultò e si voltò per vedere che il suo indirizzo era una rossa incoronata. Aveva 32 anni. Le labbra sottili, i capelli corti e frastagliati, il comportamento sobrio e l'alta postura suggerivano un'aria di autorità in lei. Era vestita in modo maschile medievale e sembrava aggraziata. Gli occhi verdi ravvicinati, tuttavia, avevano un'impressione particolare sul suo viso. Avevano uno sguardo freddo e persistente.

"Ehm-io …" balbettò Alice piuttosto che affermare la sua domanda.

"Non sei comodo qui? Andiamo allora, non essere timido! Perché nessuno è timido qui. "

Alice notò che la donna incoronata stava sorridendo e il suo viso triangolare si era illuminato, ma il suo sguardo freddo aveva un effetto inquietante su di lei. Tuttavia, è riuscita a chiedere: "Chi sei? Dove sono?"

"Oh, sono contento che tu l'abbia chiesto", disse la rossa. "Sono Amoret, la regina di Castle Sappho Islands, Wonderland."

"C-Castle Sappho!"

"Esatto", disse la regina. "Ora sei entrato nei locali di LESBIANS."

"Lesbiche?"

"Perbacco! Non sapevo che avresti fatto domande stupide. Non credi nelle lesbiche, piccola? Vivono in questo mondo ", ha detto Amoret.

"No. Ehm-voglio dire … "

"Hai letto di lesbiche. Ti piacciono, vero? "

Alice era senza parole. Fissò Amoret e sbottò: "Come fai a saperlo?"

"Hai lasciato un libro in panchina", rispose Amoret. “L'ho preso alle tue spalle. Non hai visto l'unica nuvola questa mattina? Ero lì a guardarti. "

Alice aggrottò la fronte alle sue parole e le comprese in un attimo. 'Ecco perché, la nuvola si era davvero fermata e indugiava sopra di me', dedusse. "Mi stavi guardando", chiese alla regina, "ma perché?"

"Perché volevo conoscerti meglio", le disse Amoret. "Sono contento di vedere che sei la donna giusta per me."

"Cosa intendi?"

"Il paese delle meraviglie è davvero un posto fantastico", ha risposto Amoret. "Tutto ciò che è impossibile qui è possibile. Non sarai stanco di scopare e scopare tutto il giorno. Sicuramente, puoi farlo se c'è una persona giusta con cui accoppiarti. Ti sei chiesto, anche per un secondo, perché queste bambole sono nude quando io sono l'unico vestito qui? "

Amoret notò che Alice la stava sbattendo le palpebre confusa. "Ok. Basta guardarsi intorno per vedere dietro di te ", ha detto. Le sue labbra sottili si curvarono in un sorriso.

Alice si guardò intorno. Non c'era segno della porta, ma vide un grande muro di pietra con alcune parole scarabocchiate. Fu presa alla sprovvista e girò la testa per esclamare: "La porta è sparita!"

"ESATTAMENTE", disse Amoret. "Come ho detto, tutto ciò che è impossibile qui è possibile. È il tuo destino vivere qui come mia moglie. "

"Che cosa! Ma come succederà? "

"Pensi che sia solo una storia di cazzi e tori? NO, per niente! E attenzione, Castle Sappho sceglie le donne destinate a sposarsi. "

"Ma…"

"Le donne possono unirsi in matrimonio, se sono vere lesbiche", la interruppe Amoret.

"E tu pensi che io sia uno di loro", disse Alice. "Oh, non ho mai avuto una donna con cui amare!"

"Una vera lesbica non è solo una donna d'azione", ha detto Amoret. "Se sei eccitato dalle fantasie di due o più donne che fanno l'amore, Castle Sappho ti segna come una garanzia."

Alice rifletté sull'audace proposta e sulla giustificazione di Amoret. 'È strano, davvero strano,' si chiese. 'Ma perché vuole sposarmi?'

Amoret le chiese: "Cosa stai pensando?"

"Solo una cosa", disse Alice. "Come puoi dire che sono la donna giusta per te?"

"Ci sono tre risposte alla tua domanda", ha detto Amoret. “Primo, voglio restare con te per sempre. Solo una tua vista mi solleva. Sei incomparabile per bellezza e fascino, ed è per questo che ti amo. Secondo, hai inseguito il coniglio bianco per restituirgli QUESTO. " Ripescò i guanti neri dalla tunica viola.

Alice aggrottò la fronte ai guanti. Poi si guardò il petto e rimase senza fiato. Amoret le sorrise e disse: "Sembra che tu abbia sorprese oggi, amore mio".

"Sì-sì. Li avevo infilati nel reggiseno e … "

“Oh adesso sono in mio possesso! Perché sono il loro vero proprietario ", ha detto Amoret. “Non avevi idea che fossero affascinati. Il coniglio bianco è servito al mio scopo per portarti qui. Non era altro che un servitore incantato. "

La regina tacque e sorrise per lo sguardo perplesso sul viso di Alice. Gettò da parte i guanti e disse: "È assurdo inseguire qualche stupida creatura per una sciocchezza, non è vero? Tuttavia, gli sei corso dietro perché il loro incantesimo ti ha fatto fare quello. Non appena hai raggiunto quella porta, l'incantesimo è stato respinto. Grandi cose accadono se vuoi che accadano. Hai deciso di aprire la porta e poi sei venuto qui. "

"Ho solo pensato", disse Alice, "che è impossibile salire sul pozzo e tornare a casa. Non avevo alternative. "

"Al contrario, avevi un'alternativa."

"Che cosa! Ma come?"

"Se la tua decisione fosse quella di stare lontano dalla porta, il passaggio ti permetterebbe di aggirare il pozzo e tornare illeso."

Alice inarcò le sopracciglia. 'Questo posto è davvero una meraviglia', pensò.

«Ultimo ma non meno importante», disse Amoret, «la porta d'ingresso è sparita. Il muro di pietra ora dichiara che non devo più aspettare il legittimo compagno. "

Alice si voltò e si avvicinò al muro. Lesse le parole scarabocchiate sopra:

HAI ALLA SUA ECCELLENZA! ARRIVA LA COMPAGNA DESTINATA PER LEI.

'Quindi è quella che avevo sognato, la scorsa notte,' pensò Alice con convinzione. 'Ora, so chi può prendermi le mani per l'eternità e il cui amore può riempirmi.' Tornò a guardare la regina. La perplessità e la confusione le furono scrollate di dosso.

"Ogni ragazza è sposata qui con uno o più partner", ha detto Amoret, indicando le donne nude intorno a loro. "Continueranno a scoparsi l'un l'altro per l'infinito."

"Sì", disse Alice. Le sue labbra si curvarono in un sorriso.

"Se una ragazza viene tre volte per un'avventura di una notte", continuò Amoret, "è sposata con la sua compagna e i suoi vestiti vengono presi dal castello di Saffo."

"Quindi anche i nostri vestiti verranno presi", disse Alice.

"Certo, piccola," disse Amoret allegramente. "Queste ragazze non ti vedranno, non ti sentiranno o non ti sentiranno fino alla verifica del nostro matrimonio."

"È dolce," disse Alice amabilmente.

La regina Amoret si avvicinò ad Alice e l'abbracciò. "Perché è amore", disse teneramente, accarezzandole la schiena. Alice fece scattare le braccia al collo di Amoret. Le loro labbra si incontrarono in un dolce bacio esigente. È diventato più intimo e appassionato.

Continuarono a baciarsi finché Amoret non le sussurrò: “Vieni con me, piccola. Dobbiamo avere un po 'di privacy. "

Alice rise. Amoret la condusse alla tenda più grande.

L'interno della tenda sembrava simile a una camera da letto riccamente decorata. C'erano arazzi vividi, un letto king-size con copriletto in peluche, una toletta lucida, lampade fantasiose e armadietti di varie dimensioni. Bottiglie e calici di vino sembravano riempire un armadietto bianco alla loro destra.

"Oh che bello", esclamò gioiosamente Alice mentre si guardava intorno.

Amoret, che si era tolta la corona, sorrise allo sguardo stupito sul viso di Alice e disse: "Non era così bello senza di te". Le prese la vita e la tirò più vicino per un bacio schiacciante.

Alice chiuse gli occhi e gemette. Amoret si stava succhiando le labbra mentre le prendeva con forza. Si è trattenuta dal morderli perché questo avrebbe potuto ferire la sua amata.

Amoret ha rotto il lucchetto e ha continuato a baciare Alice sulle guance. Tirò fuori la lingua, si leccò il collo preoccupata e si accoccolò fino alla spalla destra. La coccolò, tastandola la schiena e succhiandole il lobo dell'orecchio.

Alice sorrise languidamente e lasciò che Amoret brancolasse con le fasce del reggiseno. Sono stati spinti più vicini e separati. Quindi, il suo reggiseno è andato via in due scosse.

Amoret guardò le sue meravigliose tette. Erano pieni e rotondi; capezzoli rosa erano posti provocatoriamente sulle sue grandi areole. “Ragazza, guardati! Sono così grandi e belli ", ha esclamato.

"Sono tuoi, tesoro", disse Alice. La sua voce era roca.

"Giusto", disse Amoret. Ha iniziato a toccarsi e stringere le tette. Alice sibilò per un ritocco occasionale e si tirò i capezzoli.

"Ti piace, vero?"

"Yesss …"

"Posso succhiarli per te, piccola?"

"Fallo per favore!"

"Eccolo, allora" disse Amoret. Ha baciato le sue tette dappertutto e le ha spinte nella profonda scollatura. Quindi, ha tirato fuori la lingua e l'ha leccata lì. La seducente coppia di mamme si dimenava quando lei scuoteva la testa in mezzo a loro.

Amoret si è spostata sui suoi capezzoli con il passaggio graduale dalle leccate alla suzione. Ha preso un boccone di un capezzolo e lo ha tenuto in aspirazione. La sua mano accarezzava l'altra, tirandola di tanto in tanto.

Il viso di Alice arrossì quando i suoi capezzoli furono rilasciati, ripresi e sostituiti ripetutamente. 'Lei li vuole male e adoro essere assistita in questo modo', ha riflettuto.

Amoret si aggirava intorno ai meloni di Alice. Ha succhiato, impastato, tirato e mordicchiato la coppia seducente. Occasionali gesti della sua lingua infiammano di piacere la cara ragazza.

Alice ha intravisto Forbidden Desires quando Amoret stava strofinando il naso lungo il suo ombelico. Il libro giaceva sul ripiano di un armadio, più vicino al letto. Chiuse gli occhi per un bacio leggero sull'ombelico.

Amoret, infine, si inginocchiò, infilò le dita nella cintura della gonna di Alice e se la tirò giù per le gambe. I suoi occhi caddero sul perizoma Tie Side, che era inzuppato tra le cosce della sua compagna. "Allora sei pronto per me, vero? Oh, lo so che lo sei, ”disse, osservandola. Quindi, accarezzò Alice lungo l'ampia curva dei suoi fianchi e le afferrò le natiche in modo seducente.

Alice si morse il labbro. Amoret aveva sciolto il suo perizoma e spogliato la sua figa. La sentì dire: "Dovrei mangiare la tua fica e lasciare che il nostro amore fiorisca per questo?"

"Oh sì …" la voce di Alice si spense mentre rispondeva distratta.

Accanto a loro c'era un armadio. Stava fisso a terra. Quando Amoret l'ha spinta, ha appoggiato il suo grande bottino sul bancone e così ha aperto le gambe in modo invitante.

Amoret ha tirato fuori la lingua e l'ha passata sulla figa rasata di Alice. L'ha baciata lì. 'È così aperta e bagnata. Niente è appetitoso come il suo sugo, "osservò. Immediatamente, tenne le cosce rotonde più separate e si spostò tra di loro per assaporare il suo gusto.

Alice sibilò e gemette. La sua figa tremò per il desiderio di costruire. Le labbra di Amoret erano incollate ai suoi petali rosa. Stava incantando le sue labbra esterne e la fica interna.

La testa di Amoret dondolava tra le sue cosce mentre mangiava e la leccava con urgenza. La sua lingua le trapanò la figa e si alzò, circoscrivendo il suo clitoride. Chiuse le labbra sulla manopola ultra sensibile, succhiandola più forte.

Il piacere era così intenso che Alice dovette piegare i fianchi. Amoret ha catturato la sua figa proprio mentre si era succhiata le labbra.

Alice pensava che sarebbe diventata matta. La sua figa era infiammata fino all'orlo. Ha urlato per la massima lussuria. Amoret la stava leccando più velocemente e lei le succhiò il clitoride con passione.

Poi è successo! Alice schizzò sul viso di Amoret. Un po 'di succo le era gocciolato lungo le cosce.

"Uno in meno, due per andare", ha detto Amoret. Si leccò il succo dalle cosce e si alzò. Alice sospirò. La lingua di Amoret la stava penetrando. 'È così brava. Perbacco! Sono piena ", rifletté.

Amoret ha scopato Alice con la sua lingua e si è alzata in piedi per un po '. Si succhiò i capezzoli e si baciarono calorosamente. Alice le prese le labbra, assaporandone il proprio gusto.

"Questo è il tuo sapore, mia cara", disse Amoret.

"È meraviglioso", rispose Alice.

"Sapevo che ti sarebbe piaciuto. Facciamo un altro tentativo, va bene? "

"Ehi," disse Alice mentre veniva scaraventata sul letto. Amoret aleggiava sopra di lei. La prese per i fianchi e la tirò al limite.

Alice decise di sdraiarsi rilassata e sorrise al suo amante. Amoret ricambiò il sorriso e si inginocchiò davanti a lei. Si mosse per baciare il suo mostro e allargò le gambe sexy; li spinse finché le ginocchia di Alice non furono al suo stesso petto.

Amoret tenne ferme le gambe di Alice e iniziò a leccarle le cosce. Scese al suo vagano e fece scivolare fuori la lingua. Correva su e giù per l'interno delle sue chiappe.

Alice ansimò. Il rim-job le stava scuotendo i segni vitali. Si morse il labbro mentre Amoret infilava la lingua dentro e fuori dal suo buco del culo. "Oh sì … sì … aah … leccami … leccami … mmm …" cantilenò, stringendosi le tette.

Amoret si avvicinò alla figa di Alice e le premette la bocca per succhiare un po 'di umidità che fuoriusciva. Ha sondato la sua lingua attraverso le labbra esterne di Alice e nella sua fica interna.

Alice sibilò mentre il suo amante la mangiava. Non poteva muovere le gambe perché le mani di Amoret le tenevano forte.

'Ora, ti farò venire', risolse Amoret mentre catturava il cappuccio di Alice. Fece scorrere la lingua sul clitoride e se lo leccò, lateralmente, su e giù. Poi lo succhiò forte e continuò a leccarlo, più velocemente e più esigentemente.

Alice gemette. Si crogiolò nella magnifica sensazione della lingua di Amoret tra le sue cosce. Tutta la sensazione era centrata nella sua figa. Il succo di fica scorreva attraverso le sue pareti. All'improvviso, i muscoli dello stomaco iniziarono a contrarsi. Mosse le gambe verso il basso e le chiuse intorno alla testa di Amoret.

Il viso della regina Amoret è stato schiacciato nella sua figa. L'unica manovra che ha seguito è stata quella di tenere a freno la lingua e chiudere le labbra sul clitoride di Alice. 'Eccola qui. Non devo perderla ", giudicò.

Alice era nella beatitudine. Il suo corpo fu sconvolto. Tese il busto e strillò, ed entrò subito nella bocca del suo partner.

"Due in meno, uno per andare", disse Amoret.

Alice sentì le gambe divaricate di nuovo. Amoret stava leccando la sua figa spenta. Chiuse gli occhi e rimase immobile, lasciando che la regina assaporasse il suo gusto. 'Non sono mai stata saziata così tanto in vita mia', pensò. 'Oh come mi piace! La amo lì. È così piena di passione "

Amoret succhiò tutto il succo dalla fica di Alice e lei si alzò in piedi, pulendosi la bocca con il dorso della mano. "Non mi hai ancora visto", disse, "ma te lo farò vedere, ovviamente."

Alice non disse nulla. Fissò la sua compagna che si stava spogliando. La sua tunica e le mutande si staccarono direttamente. Non c'erano dubbi sulla sua impazienza di unirsi a letto di Alice.

Uno sguardo stupito passò sul viso di Alice mentre osservava il suo partner. Amoret non era formosa e voluttuosa come lei. Aveva una figura magra e dritta!

Amoret lesse i suoi pensieri e rise. "Lo sapevo", ha detto. "È un'altra sorpresa per la giornata, piccola."

"Be ', mi hai reso stupido."

"Perché ho un'impressione su di te diversa da come mi avevi previsto prima", le disse Amoret. "Non è difficile e veloce per ogni donna essere formosa. Quindi, per me è possibile non avere curve. "

"Ah! Ok ", disse Alice.

"Vedete, saremo una coppia senza precedenti nella storia del Paese delle Meraviglie, e sarà una cosa meravigliosa da sapere per noi."

“Impareggiabile! Come mai?"

"Perché il tuo amante è una donna che sembra un uomo."

Alice rise. "Sì", ha detto. "Ha qualcosa per diventare un uomo?"

"Certo," disse Amoret, raggiante. "Possiede una cosa che la renderà più di un uomo."

Alice aggrottò la fronte alle parole del suo partner. Non c'era bisogno che Amoret cercasse una spiegazione. Si chinò e tirò fuori un giocattolo dall'armadietto più vicino al letto.

Alice rimase a bocca aperta affascinata quando i suoi occhi caddero sulla cosa. Era uno strap-on da 7 pollici, con l'asta curva e venosa. "È … è grande", ha esclamato.

"Sì", disse Amoret, "ed è sempre pronto per entrare in una fica o in uno stronzo."

"Wow! Ho letto a riguardo ", disse Alice allegramente mentre distoglieva gli occhi per guardare Forbidden Desires.

"Finché non li hai visti usare questi giocattoli", aggiunse Amoret, indicando l'ingresso della loro tenda.

"Oh sì, hai ragione! A volte dimentico le cose e mi sento un idiota ".

"Va tutto bene amore mio", disse Amoret. Alzò lo strap-on e chiese: "Vuoi che mi metta questa cosa e te la metta su per la fica?"

"Sì, mi piacerebbe averlo nella mia fica", disse Alice. Il suo viso si illuminò all'idea.

Amoret si legò l'imbracatura all'inguine e ai fianchi. Poi andò a letto con Alice che la manovrava sui cuscini. Si sdraiò accanto a lei e iniziò a esplorare il suo corpo con estasi erotica.

Amoret baciò Alice dalla testa ai piedi. Quindi, l'ha girata e si è leccata tutto il sedere. Si girò di nuovo la bambola sulla schiena e continuò a succhiarle le tette e mangiarle la fica. Alice si crogiolò nella sensazione della bocca e della lingua del suo compagno. Le pareti della sua fica tremavano e si è bagnata per un po '.

Amoret si è posizionata tra le cosce di Alice. La testa del suo albero premette contro la sua apertura bagnata e la penetrò quasi istantaneamente.

Gli occhi di Alice si spalancarono. Amoret entrò in lei, lento e facile, per il primo ingresso. L'attrito sul suo punto G è stato estremamente gratificante.

Amoret teneva il suo albero conficcato nella sua fessura erogena. Quindi, si è spostata all'indietro estraendolo parzialmente.

Alice gemette. Il piacere costruito tra le sue mura quando la cosa entrò di nuovo in lei.

Amoret continuò a ripetere la manovra con tempismo perfetto. Il suo movimento gentile si trasformò in spinte.

Alice l'abbracciò sulle spalle. Il desiderio stava salendo su per la sua spina dorsale.

Amoret le prese la bocca senza romperle le spinte. Chiuse le labbra in un bacio schiacciante.

Alice iniziò a urlare quando Amoret lasciò andare le sue labbra. Era troppo insopportabile per lei continuare a gemere. L'asta si sollevò dentro di lei. La sua testa stava salendo fino all'elsa. Onde di pura lussuria la stavano afferrando. Scosse la testa in completo abbandono. Amoret la stava scopando fino al limite.

Il giocattolo è stato progettato anche per soddisfare chi lo indossa. Amoret sapeva che stava raggiungendo il crescendo insieme al suo compagno.

L'ultima spinta è stata la più potente. Urlavano e gemevano per un climax simultaneo.

Amoret giaceva sopra Alice, baciandole le guance e le labbra con affetto. Poi, è rotolata via rapidamente.

"Ahia! Fa male, ”si lamentò Alice. Il suo viso fece una smorfia mentre il giocattolo veniva spostato con noncuranza dalla sua figa.

"Oh, mi dispiace", disse Amoret. Decise di agire in fretta e si scagliò contro di lei.

"Aah! È meglio ", disse Alice. Sorrise e chiuse gli occhi.

Amoret si assicurò che Alice fosse alleviata dal dolore. Dopodiché, è strisciata in avanti baciandosi lo stomaco e succhiandole le tette.

Si baciarono finché Amoret non disse ad Alice: "È finita, amore mio".

"Sì. Sono venuta tre volte per te e tu sei stato semplicemente fantastico. "

"Non avrei potuto fare niente senza di te", disse Amoret mentre si rannicchiava con Alice.

"Dovrei prenderlo come un complimento?"

"Be ', è più di un complimento. Sei stanco di venire così tanto? "

"Non c'è modo! Sto ancora desiderando di più. "

"Ecco fatto", disse Amoret, raggiante. "Non te l'ho già detto? Non sei stanco un po 'perché sei venuto per la persona giusta. "

"Sì", disse Alice. "Tutto è bene quel che finisce bene. Ora siamo sposati, giusto? "

"Uhm-per una risposta, dobbiamo aspettare fino a quando il nostro matrimonio non sarà verificato", ha detto Amoret. Girò la testa per guardare alla loro sinistra ed esclamò: "Ehi, guarda questo!"

Alice seguì il suo sguardo. Le sue mascelle si spalancarono quando vide uno scenario straordinario. Their clothes were ascending in slow motion; it was happening automatically. The entire material got higher and scattered as if it were in the space. It hung unscathed in the air until wafts of smoke rose from it. The fabric began to shrink and the smoke condensed right away. They stared, speechless, as their outfit turned completely into soot and it soared out of the tent.

“Whew! They are taken up finally,” Amoret remarked.

“That was horrible,” said Alice. Her beautiful face looked aghast.

Amoret smiled and kissed her. “There is no need for you to be horrified,” she said.

“I’ve never seen anything like that,” Alice told her.

“Wonderland is full of surprises and great things must happen here fantastically. You must cheer up, darling. Our marriage is verified now!”

Alice said nothing. Amoret was looking at her with assurance, affection, and closeness. “You are right,” she said. Her lips curved into a smile.

“From now on, we are a couple. It is a must for us to have sex, over and over again.”

Alice laughed. “We had it just a while ago,” she said.

“That was before our marriage! Don’t you want to have fun for the infinity?”

Alice was wordless. She just raised an eyebrow.

Amoret kissed her lips. After that, she led her to innumerable bouts of carnal pleasure.

Since then, they have been making love. There is no end to their connubial adventures.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *