Categorie
Storie

Interludio spontaneo | Storie di sesso lesbico

Un incontro inaspettato, erotico e soddisfacente tra due donne single adorabili, intelligenti, ben istruite, produce un effetto duraturo su entrambe. L'autore racconta la storia con dettagli così vividi e grafici che il lettore sente di essere nella stanza a guardare le due donne che fanno l'amore. Una lettura piacevole e appassionante sia per le donne che per gli uomini.

Durante i miei ultimi due anni di college, Jennifer, una compagna di classe e una compagna di squadra di pallavolo, ed io eravamo inseparabili amanti, vivendo insieme in un appartamento fuori dal campus. Dopo che ci siamo laureati, ho incontrato Randall alla scuola di specializzazione in economia e ci siamo innamorati. Jennifer e io ci siamo separati amichevolmente, ma siamo rimasti vicini, incontrandoci di tanto in tanto. Era sempre bello e soddisfacente, e la separazione rendeva i nostri appuntamenti ancora più eccitanti. Jennifer ha iniziato a frequentare ragazzi e ragazze, ma non è andata costantemente con nessuno.

Jennifer si è laureata in arte ed è stata una brillante artista di acquerelli. Ha conseguito il suo MFA in studio d'arte, ha continuato a diventare insegnante d'arte al liceo e  nota artista floreale e paesaggista e . I suoi lavori venivano regolarmente venduti in diverse gallerie. Ho iniziato la mia carriera imprenditoriale e ho avuto un successo iniziale, ricevendo diverse promozioni e sono stato considerato un velocista dal mio management. In seguito ho rotto con Randall e ho iniziato a frequentare anche ragazzi e ragazze, ma non seriamente con nessuno.

Più tardi, Jennifer iniziò a uscire con un uomo d'affari più anziano di nome Ron che aveva incontrato in un mixer di ex studenti. L'ha spazzata via dai suoi piedi e si sono sposati. Jennifer e io abbiamo continuato la nostra relazione dopo il suo matrimonio. Ron non lo sapeva. Non ci incontravamo così spesso, ma abbastanza per mantenere viva la nostra intima amicizia. Ron era presidente della sua società di esplorazione petrolifera ed era piuttosto ricco. Jennifer ha potuto lasciare l'insegnamento e dedicarsi a tempo pieno alla sua pittura ad acquerello. Il suo lavoro è stato venduto rapidamente. Aveva un vasto numero di collezionisti, locali, nazionali e internazionali.

Ron e Jennifer vivevano in una casa di proprietà con vista sull'oceano. Ron la adorava, le dava tutto ciò che una donna potesse desiderare e faceva di tutto per promuovere la sua arte. Aveva uno studio completamente attrezzato, un centro di inquadratura e una mini-galleria costruiti per lei fuori dalla zona giorno della loro casa. Ron è stato un vero promotore e ha aiutato Jennifer a commercializzare la sua arte.

Ron ha organizzato studi aperti annuali nella loro casa per mostrare e vendere l'arte di Jenifer ai suoi collezionisti, ai loro numerosi amici, conoscenti sociali e d'affari e all'élite della comunità. Ai partecipanti è stato permesso di portare gli ospiti a condizione che fossero stati annunciati in anticipo. Era un elegante evento sociale e artistico e veniva riportato ogni anno nelle rubriche social dei giornali locali. La gente veniva anche da fuori città. Jennifer e Ron si sono assicurati che la sua arte avesse lo stesso prezzo della galleria, volendo sempre mantenere i migliori rapporti con i galleristi.

Gli studi aperti si sono tenuti ad ottobre. Erano veri e propri eventi di travestimento, abiti da cocktail, cappotti e cravatte, che iniziavano nel tardo pomeriggio di sabato e proseguivano fino a sera. L'intera zona giorno della casa, lo studio di Jennifer, la galleria e il patio si trasformano in una galleria d'arte con pareti espositive, scaffali e illuminazione speciale progettati da Ron, che consentono di esporre l'arte nel modo più efficace. Aveva diversi tecnici della sua azienda per impostare tutto e smontarlo.

Aperitivi, cocktail e ottimi vini sono stati serviti dalle 16:00 alle 18:00 mentre gli ospiti hanno visionato e acquistato l'arte. Jennifer e Ron hanno lavorato con la folla, socializzando, mostrando il lavoro e promuovendo le vendite. Dalle 18 in poi è stato servito un buffet epicureo. Di solito, circa 200 persone partecipano e Jennifer vende opere d'arte per un valore compreso tra $ 30 e $ 50K. Dona il 20% delle vendite a vari enti di beneficenza. Sono la hostess senior e mi occupo di tutto il cibo, le bevande, il catering, il personale di servizio e la logistica della casa. Lei e Ron dipendono da me per tenere tutto insieme.

In passato, Jennifer ha fatto affidamento su due rappresentanti d'arte locali per aiutare a gestire le vendite con il suo contabile come cassiera. La sua popolarità era cresciuta considerevolmente e voleva che quest'anno fosse un anno eccezionale. Quindi, Ron ha suggerito che Jennifer avesse bisogno di un po' più di potenza per l'evento, così ha aggiunto una ragazza locale e potente con cui fa affari, Kathleen Barrington, per aiutarla con la promozione e le vendite.

Kathleen ha poco più di trent'anni, ha un master in storia dell'arte ed è la curatrice del più grande museo della città dove il lavoro di Jennifer è nella collezione storica e in mostra. Kathleen è splendida e maestosa, il tipo di donna che fa tacere una stanza quando entra. Come me, ha passato la notte e per parte della domenica. Valeva bene il compenso per la consulenza che Jennifer le pagava.

In genere, la maggior parte dell'arte venduta nello studio aperto di Jennifer viene acquistata da donne. Questo evento era diverso! Gli uomini che normalmente non hanno alcun interesse per l'arte improvvisamente non ne hanno mai abbastanza di ascoltare Kathleen parlare dell'arte di Jennifer e delle storie dietro i numerosi pezzi. La presenza di Kathleen ha prodotto lo studio aperto di maggior successo che Jennifer abbia mai avuto, con vendite per un totale di oltre $ 75.000. Oltre 275 persone hanno partecipato all'evento di quest'anno. Kathleen li ha riuniti in piccoli gruppi e li ha semplicemente ipnotizzati con la sua chat! Era un fenomeno!

Alle 21:30 la folla si era diradata. La serata è stata un enorme successo. Ron e Jennifer stavano dando la buonanotte alle ultime persone che se ne andavano. Mentre i ristoratori stavano facendo le pulizie, io e Kathleen siamo andati in salotto con un bicchiere di vino per rilassarci e chiacchierare. Ron e Jennifer entrarono, dicendo che gli avevano sparato e che stavano andando a letto. Jennifer era preoccupata per la pulizia della casa e le ho detto di non preoccuparsi, Kathleen e io avremmo fatto in modo che il personale del catering ripulisse tutto prima di partire.

Kathleen e io abbiamo chiacchierato per oltre due ore mentre il personale smontava i tavoli, le sedie, gli attrezzi per servire, caricava tutto sul camion, puliva la cucina e passava l'aspirapolvere. Una volta usciti, Kathleen e io abbiamo preso una bottiglia fresca di chardonnay e siamo tornati in salotto per un'altra chiacchierata. Era assolutamente adorabile e incantevole, intelligente, alla mano e aveva molto da dire. Non era sposata e non sembrava che uscisse molto, preferendo stare per sé stessa, nonostante fosse seducente e attraente.

Ha detto che amava i miei veri capelli biondo fragola e gli occhi verdi e pensava che fossi bellissima. Ha detto che Jennifer le aveva parlato dei miei successi e di quanto fosse orgogliosa di me. Si è complimentata con me e ha detto che era rimasta colpita da ciò che aveva sentito. L'ho ringraziata. Mi ha chiesto se uscivo insieme e le ho spiegato il mio stato di single e come mi stavo concentrando sulla mia carriera. Ha detto di aver recentemente acquistato una nuova casa nella parte nord della città, non troppo lontana dal museo

Ha detto che forse prima o poi avremmo potuto pranzare o cenare, o semplicemente andare a prendere del vino o un caffè, o farle visita nella sua nuova casa. Ho risposto che era una bella idea e mi piacerebbe, sarebbe bello conoscerci meglio. Sono andato a prendere un'altra bottiglia di vino. Abbiamo bevuto e chiacchierato fino a mezzanotte, discutendo delle tante cose che avevamo in comune, scaldandoci l'un l'altro, alzandoci entrambi più in alto di un aquilone, e un po' storditi.

Le ho detto che adoravo il suo vestito color lavanda, le stava così bene, le stava benissimo ed era tagliato così perfettamente per lei. Ha detto che era nuovo e l'ha preso per lo studio aperto. Aveva incrociato le gambe diverse volte mostrando molte cosce, i miei occhi abbassavano lo sguardo ogni volta che si muoveva. Ho aperto un po' le gambe, facendole sapere che anche io ero sexy. Continuava a fissarmi, dicendomi che le mie gambe erano adorabili. Ha detto che si stava addormentando e che doveva andare a letto. ho acconsentito. Mi alzai e andai dal suo lato del salotto per spegnere le luci.

Mentre lo facevo, mi mise una mano sulla vita e mi guardò negli occhi, i nostri sguardi ci dicevano che entrambi sapevamo cosa stava pensando l'altro. I nostri occhi si incontrarono mentre spegnevo la luce della lampada e lei mi attirò a sé, sussurrando che ero la donna più adorabile che avesse mai incontrato, e iniziò a baciarmi dappertutto… guance, fronte e collo, poi, finalmente sul mio labbra. Stavo arrossendo e mi scaldavo dappertutto, e ricambiai i suoi baci, lunghi, umidi e dolci. Scivolammo sul divano, la stanza appena illuminata dalla luce proveniente dal corridoio e dal soggiorno mentre i suoni morbidi dei nostri baci e sospiri interrompono di tanto in tanto la quiete del salotto.

Ha lasciato cadere le spalline del suo vestito e mi ha dato i suoi seni, pieni, color pesca e belli, i capezzoli eretti. Li leccai e succhiai dolcemente e dolcemente, non ne ho mai abbastanza, mettendo i denti sui suoi meravigliosi capezzoli lunghi ed eretti. Mentre leccavo e succhiavo uno, accarezzavo delicatamente l'altro, circondando il capezzolo con la punta delle dita, cercando disperatamente di soddisfare le mie voglie urgenti per lei. Lasciai cadere la parte superiore del vestito e spostai i miei seni sulle sue labbra aperte, in attesa. Li ha presi con entusiasmo e li ha amati, facendomi rabbrividire per l'eccitazione. Ci siamo baciati, coccolati e amati in questo modo per almeno mezz'ora, le nostre mani ora sotto i vestiti dell'altro, le sue cosce lisce che mi portavano alla sua dolce fica, scoperta, liscia, aperta e bagnata.

Le sue dita si muovevano dentro e intorno alla mia fica, sapendo esattamente cosa fare. Non ho dovuto dire nulla, solo quanto mi è piaciuto, perché lei non si fermasse. Ho sussurrato che era tutto così meraviglioso, dovremmo andare nella sua stanza per una maggiore privacy, così potessimo esprimerci di più. Mi strinse forte, baciandomi e baciandomi, dicendo che mi aveva bramato tutto il giorno e la notte, la sua fantasia ora si stava avverando. L'ho portata per mano nella sua stanza, sarebbe stato meglio, era più lontana da quella di Jennifer che dalla mia, più privata.

Abbiamo chiuso la porta e siamo diventati uno per oltre due ore, era così dolce, ricettiva e appassionata, così affamata di amore e orgasmo, che si dava completamente a me e io a lei. Profumava come un giardino fiorito primaverile e sapeva di nettare di frutta. Adorava il mio cerotto alla fragola e diceva che era la cosa più meravigliosa che avesse mai avuto, così dolce e deliziosa.

Ho adorato quanto fosse orgasmica e i suoi sussurri di dettagli, proprio come Jennifer. Siamo stati in grado di soddisfarci completamente l'un l'altro, i nostri numerosi orgasmi potenti e lunghi. Il suo primo orgasmo la fece sobbalzare quasi spasmodicamente, finendo infine con lei che si dimenava e piagnucolava nella sua calma mentre la accarezzavo e la inondavo di dolci, morbidi baci e adorabili sussurri.

Mentre mi passava le mani tra i capelli, baciandomi dolcemente sul viso e sul collo, i nostri sussurri erano quelli di nuovi amanti, premurosi, complimenti e lodi, cosa volevamo fare di più e appuntamenti futuri. Erano quasi le 3 del mattino. Dopo qualche altro abbraccio della buonanotte e baci lunghi e profondi, ci siamo augurati con riluttanza la buonanotte, così eccitati e soddisfatti di ciò che avevamo fatto e di tutte le possibilità di questo nuovo amore.

Il nostro ultimo bacio attraverso la fessura della porta ha confermato e confermato la nostra attrazione e ciò che avevamo fatto. L'intero comportamento di Kathleen come partner d'amore era uscito da un sogno, non avrei mai potuto immaginare nulla di così bello ed eccitante. Ero certa che le piacessi e volesse stare di più con me, ero così felice, pronta per il sonno e i sogni d'oro!

La mia stanza era piena di sole quando mi sono svegliato, e potevo sentire Jennifer e Ron parlare, stava andando in cucina per preparare la colazione. Lo sapevano? Come si sentirebbe Jennifer se lo scoprisse? La loro porta era stata chiusa e sono stati entrambi fucilati quando sono andati a letto, non credo che abbiano sentito niente! Ero leggermente preoccupato di affrontare Kathleen, sarei imbarazzato? Vorrei abbracciarla e baciarla, ma non sarebbe possibile. Era una persona matura, avrebbe saputo recitare, sapevo che l'avrei fatto. Ero ansioso di vedere come sarebbe andato tutto a finire.

Mi sono subito fatta una doccia, mi sono rinfrescata e mi sono vestita, volendo entrare in cucina prima di Kathleen. Mentre passavo il bagno degli ospiti, potevo sentire la doccia scorrere, presto sarebbe stata con noi. Salutai Ron che era impegnato a cucinare. Jennifer si stava ancora preparando. L'aroma del caffè riempì la cucina. Ho detto a Ron che avrei apparecchiato il tavolo nel patio e organizzato tutto, preparato il toast e preparato il succo. Si è complimentato per quanto fosse bella la casa. Ho detto Kathleen e io ci siamo assicurati che tutto fosse fatto prima che i ristoratori se ne andassero, abbiamo chiacchierato un po', poi siamo andati a letto noi stessi, anche noi eravamo stanchi. Ha detto che i suoi tecnici sarebbero arrivati ​​presto per smontare tutto e mettere via l'arte.

Jennifer si è unita a noi con un aspetto fresco e vestito in modo elegante. Kathleen ha seguito pochi minuti dopo splendidamente vestita con pantaloni alla caviglia, una camicetta di seta su misura, floreale e tacchi. Jennifer ci ha ricordato che lei e Ray stavano andando a messa e avrebbero pranzato nella sala della chiesa con i Cavalieri di Colombo e le loro mogli per celebrare il 25° anniversario del capitolo. Ha detto che non sarebbero tornati fino alle 15:00 o giù di lì. Le ho detto di non preoccuparsi di nulla, mi sarei assicurato che i tecnici lasciassero tutto pulito, avrei ritoccato le cose e avrei salutato Kathleen. Mi ha abbracciato e ringraziato, baciandomi sulla guancia, sussurrandomi all'orecchio che mi amava.

Kathleen mi ha guardato, i suoi occhi e i suoi sorrisi mi dicevano che andava tutto bene, che non avevamo finito. Mi avvicinai a lei, aveva un profumo così fresco e invitante. Visioni balenarono nella mia mente di noi che ci intrecciavamo e facevamo l'amore, non sarebbero andate via. Jennifer era andata in garage a prendere dello champagne e Ron era tornato a noi. Ho sussurrato a Kathleen quanto fosse adorabile e meravigliosa, volevo che restasse con me dopo che i tecnici se ne erano andati. Lei annuì e sorrise con approvazione.

È stata una giornata autunnale perfetta e così bella nel patio. Kathleen si è seduta vicino a me, i suoi dolci aromi tutt'intorno a me. Jennifer era così entusiasta del successo del suo spettacolo e non poteva ringraziare abbastanza Kathleen per tutto quello che aveva fatto. Kathleen era umile e riconoscente. Siamo tutti intervenuti e abbiamo ripulito le cose proprio mentre arrivavano i tecnici di Ron. Ron ha rivisto come voleva che tutto fosse fatto con i tecnici, poi lui e Jennifer sono partiti per la messa. I tecnici sono stati veloci ed efficienti, riportando l'arte invenduta nello studio di Jennifer, smontando le pareti e gli scaffali e riportandoli nel seminterrato, passando l'aspirapolvere e ottenendo la zona giorno tornata in ordine..

Dopo aver chiuso la porta d'ingresso dietro i tecnici e essersi voltata, Kathleen è venuta da me, baciandomi e abbracciandomi, con la schiena contro la porta. I suoi baci erano caldi e bagnati, ero così felice che avesse preso l'iniziativa. I miei baci e le mie francesine le hanno detto che anche io la desideravo di nuovo! Ha detto che il nostro fare l'amore ieri sera è stato il più meraviglioso della sua vita e che voleva amarmi di più.

Ho detto che anche io volevo di più da lei, così l'ho portata nella mia stanza. Ho chiesto se le piacevano i giocattoli e lei ha detto che ne aveva alcuni, ma che non li usava da un po'. Sono andato rapidamente nella stanza di Jennifer e ho raggiunto il fondo del suo petto di cedro, ho preso la nostra borsa dei giocattoli e l'ho portata nella mia stanza. Mi sono aperto sul mio letto, permettendo a Kathleen di vagliare le possibilità. Ha gravitato verso il nero, 12 pollici, strap-on, squirting she-cock, dicendo che era il dildo più meraviglioso che avesse mai visto.

Ho spiegato la funzione di squirting, come le palle contenevano sei once di sperma finto caldo, come funzionava il bulbo del vuoto e lei è rimasta senza fiato. Prese l'asta con entrambe le mani e se la portò alla bocca, prendendo la testa del fungo tra le labbra, baciandola e succhiandola. Ha detto che è stato molto eccitante, molto reale, e ha detto che voleva che lo usassimo. Ho detto che l'avremmo fatto, c'era più che abbastanza tempo, Ray e Jennifer non sarebbero tornati prima di quattro ore.

Per le tre ore successive, ci siamo divertiti l'un l'altro in modi che Kathleen ha detto che erano oltre ogni aspettativa. Ci siamo baciati, ci siamo baciati sul collo, ci siamo succhiati le tette e ci siamo amati con passione, a volte quasi febbrilmente, non riuscendo ad assorbirci abbastanza l'uno dall'altro. Con le mie dita, le mie labbra e la mia lingua, l'ho preparata fino a quando non era generosamente bagnata e aperta, così pronta a prenderla.

Mi sono infilato tra le sue gambe e mi sono spostato nella posizione delle forbici, avanti, poi indietro, da un lato, poi dall'altro, entrando in quella posizione perfetta, le nostre labbra d'amore si sovrappongono, i nostri clitoridi gonfi si uniscono, scivolando lentamente e scivolando, intorno e intorno . I suoi occhi erano chiusi, la bocca aperta, belle labbra rosse in attesa di essere coperte dalle mie, tutto il suo corpo arrossato, anticipando quello che sarebbe successo mentre sospirava e sussurrava la sua eccitazione.

Presto, i nostri movimenti divennero più frenetici mentre acceleravamo, i suoi panini ora leggermente fuori dal letto, in aria, muovendosi dentro di me, intorno e intorno, assicurandosi che avesse tutto di me. Il nostro respiro diventava sempre più pesante, i sussurri dei suoi sentimenti dettagliati mi dicevano che era vicina. All'improvviso, i suoi gemiti si trasformarono in gemiti e sussulti mentre si contorceva e si contorceva sotto di me, chiamando Dio e me, ancora e ancora, le sue gambe strette attorno a me, non volendo lasciarmi andare.

Pochi istanti dopo, ancora baciando e prendendo a pugni e muovendomi intorno e intorno, ho cominciato a fare la mia salita, andando oltre il precipizio, il crescendo che mi sorpassa, uno spasmo dopo l'altro, almeno una dozzina in tutto, così perfetto e meraviglioso che mi hanno preso il respiro via. Calmandoci, poi separandoci da Kathleen e rotolando da un lato, abbiamo continuato ad abbracciarci e baciarci, sussurrando dolcemente l'uno all'altro, diventando una cosa sola nel nostro bagliore.

Le gambe di Kathleen erano ancora spalancate, la sua adorabile e luccicante fica tutta aperta, bagnata e spalancata. L'ho raggiunto e lei ha sussurrato che era tutto così bello e soddisfacente, ma aveva bisogno di più, l'avrei amata con la mia cagna che squirta? L'ho baciata dolcemente a lungo e profondamente e le ho sussurrato che era arrivato il momento, mancavano solo pochi istanti. Mi sono alzato e ho legato il cazzo, l'ho lubrificato e mi sono infilato tra le sue gambe.

Ho spostato lentamente il gallo dentro di lei, il fungo scivolava facilmente dentro, i suoi gemiti e sospiri mentre il fungo passava attraverso il suo osso pubico dicendomi che la mia penetrazione era perfetta. Mentre ci baciavamo e ci baciavamo, i nostri seni si intrecciavano, lei sussurrò gioiosamente quanto amava il mio cazzo. Ha detto che si sentiva così bene, le piaceva quanto fosse lungo e denso e il modo in cui il fungo le massaggiava le pareti.

In pochi minuti, il suo respiro divenne più affannoso mentre sussurrava i dettagli di ogni sensazione, volendo portarmi nel suo viaggio. I nostri seni erano intrecciati, i nostri baci lunghi e profondi, alla francese e succhiandoci le labbra, la sua passione quasi fuori controllo, le sue unghie sui miei panini che mi tiravano dentro di lei, prendendo altri due pollici con un sospiro di estasi, ora completamente riempito.

I miei colpi erano di almeno nove pollici, muovendomi lentamente dentro e fuori mentre iniziava la sua salita, annunciando la sua anticipazione. Andò oltre la collina ed entrò in euforia, mordendomi e succhiandomi, torcendo e sobbalzando sotto di me, bloccati insieme, il mio cazzo ora le dava inesorabilmente almeno una decina di centimetri, svuotandosi dentro di lei mentre spremevo il bulbo, dandole piacere lei come mai prima d'ora, i suoi gemiti riempiono la stanza, più forti che mai, più di una dozzina di volte.

Ha sussurrato che era così meraviglioso, il suo orgasmo così lungo e potente, che non aveva mai avuto niente di simile, creando un nuovo livello di brama che sperava che avrei soddisfatto ancora e ancora. Mentre il suo tremito rallentava e continuavamo a baciarci, l'ho girata e ci siamo scambiati le posizioni, le nostre bocche e le nostre lingue ancora unite, i nostri seni ancora uniti e formicolanti, tenendoci stretti l'un l'altro, mentre lei si dondolava e si rotolava sul mio cazzo.

Kathleen era ora in cima, mentre sussurravo che ero tutta sua, perché lei facesse a modo suo, impiegasse tutto il tempo di cui aveva bisogno, volevo che venisse di nuovo. Scivolò vigorosamente su e giù, ruotando in tondo, prendendo il gallo per quanto valeva, febbrilmente, sussurrando che non poteva crederci, un altro era lì, pensava che fosse solo a pochi istanti. L'ho tenuta per i panini, tirandola dentro di me in modo che fossimo una cosa sola, i suoi gocciolamenti che scorrevano lungo le nostre gambe, i nostri baci bagnati e selvaggi mentre iniziava a ruotare più velocemente, poi sussultando in estasi, sborrando e sborrando, senza fiato, chiamando a Dio e io, ancora, ancora e ancora, dicendo che era il più meraviglioso di tutti.

Ha rallentato, poi alla fine si è fermato mentre rimanevamo collegati, baciandoci dolcemente e incastrandoci nella sua calma. Le ho detto che ero così sexy e che la volevo in me, per allacciare il cazzo e portarmi con sé. Volevo che mi scopasse e mi scopasse, volevo venire tutte le volte che potevo. Ero inzuppato di anticipazione, dicendole di portarmi ora, non ero mai più pronto.

Ha seguito le mie istruzioni, è stato glorioso mentre prendevo tutto il cazzo, fino all'elsa, baciandolo e alla francese, andando in paradiso la prima volta, potente e profondo, poi, pochi minuti dopo, una seconda volta, lungo e dolce, prendendomi di sorpresa, facendomi sobbalzare e contorcermi sotto di lei, la mia fica in aria, assicurandomi di averla tutta.

La mia calma durò quasi dieci minuti mentre Kathleen mi baciava le labbra, le guance, la fronte e gli occhi, succhiandomi il seno, tenendomi il viso tra le mani, accarezzandomi i capelli, sussurrandomi che ero l'amante più meraviglioso che avesse mai avuto. Ci siamo riposati l'uno nelle braccia dell'altro, raccontandoci le meraviglie di tutto questo, scambiandoci dolci, dolci baci e sussurri d'amore e devozione.

Abbiamo fatto la doccia insieme, baciandoci e attenti l'uno all'altro, lavandoci, asciugandoci e ungendoci a vicenda, lei che mi baciava leggermente la figa, dicendomi quanto le piaceva. Ho detto che ora era suo per la richiesta, l'avrei tenuto per lei fino al nostro prossimo incontro. Ha detto che voleva stare con me venerdì prossimo, dovevamo vederci, non poteva stare lontana da me a lungo. Ho detto che poteva stare nel mio appartamento venerdì sera, sabato e tutta la notte fino a domenica, oppure potevo venire a casa sua. Ha detto che potevamo decidere per telefono.

Ho detto che la volevo così tanto di nuovo, aspettare il prossimo fine settimana sarebbe stata un'agonia. Ho detto che potevamo prendere il cibo da asporto e non dovevamo andarcene, facendo l'amore senza fine. Ci siamo abbracciati e baciati, era così felice che ci fossimo trovati, eravamo così perfetti insieme. Ho detto che Dio si stava prendendo cura di noi, e voleva che stessimo insieme, dovremmo essergli grati. Entrambi abbiamo sussurrato i nostri ringraziamenti a Lui.

Ha preparato la sua valigia durante la notte mentre continuavamo a parlare di quanto fosse stato meraviglioso e adorabile il fine settimana. Ha detto che amava e faceva tesoro del nostro tempo insieme, avrebbe contato le ore fino al prossimo venerdì sera. Ci siamo baciati e abbracciati i nostri saluti, dicendo che voleva parlare tutti i giorni e inviarmi un'e-mail, era sopraffatta dall'emozione, leggermente in lacrime. Ho detto che mi sentivo lo stesso, era la donna più eccitante che avessi mai incontrato, e non vedevo l'ora fino a venerdì, avrei fatto del mio meglio per renderlo memorabile per noi.

Sono andato alla sua macchina con lei, infilando la testa attraverso il finestrino, baciandola più volte, l'ultimo bacio indugiando sul suo labbro inferiore, dicendole quanto fosse dolce e meravigliosa. Ha salutato con la mano fuori dal finestrino mentre si allontanava, io ho risposto con la mano finché non è sparita dalla vista. Mi sono seduto in salotto per più di mezz'ora, ricordando il fine settimana, rivivendo la gioia di averla incontrata e amata, ringraziando Dio per averla portata da me.

Sentivo il cellulare suonare nella mia stanza e mi precipitai nel corridoio per rispondere. Era Kathleen, che diceva che doveva parlare con me. Ho risposto che ero così felice che avesse chiamato, tutto quello che avevo fatto da quando se n'era andata era stato seduto e pensando a lei.

Ha detto che la prossima settimana sarebbe stata la più dura della sua vita, non sapeva come l'avrebbe superata. Ho detto che sarebbe stata un'agonia anche per me, ma le nostre chiamate ed e-mail ci avrebbero fatto passare. Ha ribadito che ero la donna più meravigliosa che avesse mai incontrato ed era così felice che ci saremmo visti di nuovo. Ho detto che sarebbe stato un piacere mio ed eravamo entrambi abbastanza intelligenti e abbastanza creativi da trovare modi per incontrarci frequentemente. Ha detto che ci sarebbero state ampie opportunità per capire le cose e che avrebbe parlato con me. Ha detto che sarei stata nei suoi pensieri fino a casa. Ci siamo baciati addio.

Ho pensato, OMG, sta cadendo come me, sarà così meraviglioso, non vedevo l'ora che si evolvesse! Questa non era una storia di una notte! Dio era all'opera, nel suo modo amorevole e premuroso, guidava l'evoluzione della nostra vicenda, non oserei deluderlo!

Copyright © 2019 Andrea M Love. Tutti i diritti riservati. Questa storia è di proprietà dell'autore e non può essere copiata, riprodotta, duplicata, archiviata o distribuita in alcun modo o forma senza il previo consenso scritto dell'autore. Qualsiasi violazione di questo copyright sarà giudicata nella misura massima dalle leggi sul copyright degli Stati Uniti d'America.

Copyright © 2018 Andrea M Amore. Tutti i diritti riservati. Questa storia è di proprietà dell'autore e non può essere copiata, riprodotta, duplicata o distribuita in alcun modo o forma senza il previo consenso scritto dell'autore. Qualsiasi violazione di questo copyright sarà giudicata nella misura massima dalle leggi sul copyright degli Stati Uniti d'America.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.